venerdì 18 maggio 2012

Iris "catanesi"


Gli iris catanesi sono un vanto della pasticceria siciliana! Di cosa si tratta? Di un godurioso bombolone ripieno di crema (bianca o al cioccolato, a differenza degli iris palermitani che sono ripieni di ricotta), impanato e fritto. Se girate per il web noterete ricette diverse: c'è quella che prevede l'utilizzo di panini al latte già pronti, ma sinceramente l'idea di cuocere qualcosa di già cotto non mi va molto a genio. In più, per quello che potuto vedere e constatare col mio personalissimo palato in varie pasticcerie della zona, non si tratta per niente di panini al latte, ma semplicemente di un impasto umido e arioso tipico dei dolci fritti. 

E' un sapore che mi riporta indietro nel tempo, alla ricreazione delle scuole medie. Passava Don Giovanni, un tipo di mezza età con i baffi stile Yosemite Sam dall'aria piuttosto austera, con la sua lapa sistemata a mo' di bar ambulante che si fermava davanti alla scuola. E noi ragazzini tutti lì ad accalcarci per chiedere timidamente "un iris al cioccolato"...


Ingredienti

1 kg di farina manitoba
135 gr di strutto
100 gr di zucchero
2 uova intere+ 1 tuorlo
30 gr di lievito di birra
20 gr di sale
latte tiepido q.b.
pan grattato q.b.
uova sbattute q.b. (circa 3)
Per la crema al cioccolato:
500 ml di latte
100 gr di zucchero
50 gr di cacao amaro
50 gr di farina 00
1 noce di burro (da incorporare a caldo quando la crema è pronta)
Per la crema bianca:
500 ml di latte
75 gr di farina
25 gr di amido di mais
180 gr di zucchero
75 gr di burro

Preparate l'impasto, lavorando la farina con lo strutto, lo zucchero, le uova e il lievito di birra, mettendo il latte tiepido a filo, fino ad ottenere una pasta liscia e morbida che metterete coperta a lievitare per circa 2 ore. Intanto preparate le creme. Per quella al cioccolato: mettete in una pentola zucchero, cacao e farina e mescolate. Versate poi lentamente il latte e continuate a mescolare portando ad ebollizione; togliete dal fuoco, aggiungete la noce di burro e amalgamate. Ricoprite la crema con della pellicola trasparente per evitare che si formi la pellicina. Procedete ora con quella bianca: in una pentola mettete farina, amido e zucchero; formate una fontana e versate il latte a filo, mescolando e portate a ebollizione. Togliete dal fuoco e aggiungete il burro, mescolando fino ad amalgamare il tutto. Trascorso il tempo di lievitazione, riprendete il vostro impasto, lavoratelo per 10 minuti, tirate una sfoglia di 1/2 cm con il mattarello e ricavate dei cerchietti del diametro di 9 cm. Ponete al centro un cucchiaio di crema, coprite con un secondo cerchietto sigillando bene i bordi, eliminando l'eccesso di pasta. Lasciateli lievitare ancora 1 ora. Passateli poi nell'uovo sbattuto, nel pan grattato e friggeteli in abbondante olio caldo. 

Eccoli! :)


E voi quali preferite, i bianchi o i neri?



E buona colazione!:)



12 commenti:

  1. Ma bianco o nero..o tutti e due, che meraviglia, ci vorrebbe ora un bel vassoio!Ciao, buon we!

    RispondiElimina
  2. Le immagini parlano da sole...mi è venuta una fame!! :)

    RispondiElimina
  3. non li ho mai assaggiati ma scommetto che sono una squisitezza, complimenti

    RispondiElimina
  4. muito bom, mas tenho de aprender Italiano.
    Complimenti

    RispondiElimina
  5. un tripudio di bontà assoluta non li conoscevo copio di corsa la ricetta

    RispondiElimina
  6. ossignoreee! goduriosissimi davvero!!!! a quest'ora di mattina poi....

    RispondiElimina
  7. *-* le iris!!! E' da un po' che voglio provare la ricetta! Ma a Catania le preparate solo in versione dolce? Perchè qui a Palermo le prepariamo solo in versione salata, ripiene di ragù con piselli.
    Le tue iris sono perfette!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vengono preparati anche in versione salata, con prosciutto e formaggio. Si chiamano "bombe fritte", il che rende molto l'idea di cosa siano! :D

      Elimina
  8. Ines, questa è la ricetta che stavo aspettando!!squisiti i nostri iris...presto proverò la ricetta!

    RispondiElimina
  9. Inesssssssssssssssss troppo buoni io uno intero non riesco a mangiarlo o meglio evito per evitare sguardi increduli..quindi prendo i mignon e pecco senza dare troppo nell'occhio brava!!!!!!!!

    RispondiElimina
  10. M'hai fatto venire una voglia...un giorno o l'altro proverò a farli anche io... salvo la tua ricetta!!!! Fortunata!!!!

    RispondiElimina
  11. Porca pupazza! E' buonissima questa ricetta :) Mi sa che devo provarla... assolutamente!
    Un abbraccio

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
inizio pagina